Archivio dell'autore: arte involontaria

Informazioni su arte involontaria

Sposo il Dio dello Spazio, dove le stelle sono fluorescenti e non accese di un fuoco finito, dove la luce non brucia ma illumina ogni coscienza. Sposo il Dio dello Spazio, dove un tempo non era un tempo quando viveva l'emozione, dove risiedeva la giustificazione nell'Onniscienza, tutto ha un senso, e tutto è nella posizione con lo stesso numero, senza invocazione per una forza maggiore, senza discernimento tra albero e frutto, senza paura che non di se stessi, senza timore, che di essere offesi, senza parole per il peso delle stesse. Claudio Arezzo di Trifiletti

seashell

Una ricerca della soddisfazione in terra propria, uno scambio comunicativo reale, lontano dall’alienazioni, dove l’uomo ritorna ad essere nella sua unicità, scopritore, inventore, di nuovi orizzonti interiori. Un viaggio dentro casa, un voler prendere possesso di ciò che ci appartiene di diritto dalle origini più lontane. Il progetto nasce dal parto di alcuni mesi di meditazione e scambi di idee. Parla dell’uomo vittima della globalizzazione, dove tutto diventa monocromatico, sterile, una sfida continua basata sulla pubblicità che aggredisce il nostro pensiero, dandoci incosciamente input di poco valore che attentano incessantemente la moralità nemica dei tempi odierni. Attraverso materia morta pronta per la macerazione incrementando un già alto tasso di rifiuti, si riscatta la vita, si alchimizza il prodotto già usurato, vecchio, o magari fuori moda, dandogli una nuova identità, una comunicazione fulminea attraverso l’installazione. Si stabilisce un contatto che va contro la macchinizzazione dell’azione umana, colori spruzzati, spalmati con resine\prodotti alternativi prendono forma lontani dall’ipocrisia dando sfogo ad una dimensione che non può essere annientata ma alterata. La coscienza ne è protagonista. Uno statico blindato si fa strada nell’indifferenza della materia nuova che si rifiuta di dare emozioni.

inverse run sicily contemporary artist

Le ali della musica modellano la vita “2005”

It’s a search of satisfaction, in this own territory, a truly communication exchange, far from alienations and artificial distractions, where individual, with his oneness, comes back to be the discover and the inventor of new inner dimensions. A trip inside own home, the will to catch what is really own, by due, since the beginning of our origins. The project started after a long gestation time, through meditation, and exchange of ideas. It narrates human beings, victim of chaos, which has destroyed colors, and made everything monochromatic, sterile. Everyday is a long term challenge, using modern publicity which kills our thoughts, stimulating inputs and values which incessantly attack morality, seen as the enemy of current times. Against the process that through dead materials, ready to be throw away, and macerated, so to go back in the deepness of waste and increasing the world waste, my project aims to redmeen life, like an alchemy, the used, old, not fashionable items obtain a new identity; suddenly waste materials and dead things return to talk, to live, through my installation and modeling. That is my hope. It is established a new contact, against mechanization of human action. Sprayed colors, smeared with resins, and alternative materials, get a shape, far from hypocrisy, letting out and giving life to a dimension that cannot be destroyed but modified. Conscience is the protagonist. Against a world where a wrapped and static entity comes inside and penetrates the indifference of new materials, that reject feelings and emotions.

La Salumeria dei Fratelli Zappalà Via Grotte Bianche, 16 – 95129 Catania

La Salumeria dei Fratelli Zappalà Via Grotte Bianche, 16 – 95129 Catania

“Percorso inverso” cos’è ? È un progetto che nasce dall’amore per la propria terra, un ricordo d’infanzia legato ai posti Cardine della città nativa ”Catania”. Per caso, o per come voler seguire un pensiero, ci si inoltra per le mura del Castello, ci si affaccia, si ricordano le foto scattate col primo amore ad una calia, si sente il posto proprio. In tenera età il pensiero culminante è: perché non qua. Azionato il genio, fiutato il progetto, l’istinto, l’umiltà, la tanta voglia di fare, la fantasia, la cooperazione si mettono in moto per la realizzazione dell’evento. Uno scambio collaborativo con i tecnici che credono nella propria terra, il voler promuovere ciò che resta legato alla propria terra.

Cortile del Sole

Cortile del Sole

WHAT IS “INVERSE RUN”? It is a project born from love for my territory, it is a childhood remembrance, related to the Cardinal site of my native town, “Catania”. Casually, or may be following a fixed thought, I went inside the Castle, I appeared at its old windows Remembering the first pictures taken together with the first loving, during a walk in a school time. I felt myself in my natural place, my own place. I was a child but suddenly the thought, the illumination: why not here! Lighting my genius, moving hands and minds, working hardly. The scent of the project, theinstintct, the humility, the will to do, the fantasy, a wide collaboration started the engine, so to realize the event in the Castle. An exchange of helps and cooperation, from friends and technicians, which believe and have trust in their territory: the will to promote what is strongly linked to their native land.

Archè 1 1 2 3 5 8 13 21 34 55

Archè 1 1 2 3 5 8 13 21 34 55

“Con altri occhi è possibile dare un senso”

The tree in a leaf

El árbol en una hoja

El árbol en una hoja

Sappiate investire, riconoscere come priorità il benessere di chi più bisogno ha.

naturaleza amigable

naturaleza amigable

Luce irradiano occhi, nutrono di magia la realtà.

respeta el océano

respeta el océano

When our heart speaks, we are all students

Gli incontri sono doni preziosi, osservare, apprendere, non indossare, sono gioielli da custodire. Ogni incontro ha la spezia a renderlo unico, inseparabile dal suo momento, può crescere nello spazio, baciare le stelle, delicato profondo abbraccio. Incontri, sono sentieri del nostro chiamo, incontriamo ciò che desideriamo, siamo noi a impostare il nostro destino. Realtà di un sognatore con i piedi per terra.

zero space

I grilli e le cicale continueranno a cantare, il sole inneggerà alla luna la sua promessa, il vento dei deserti scriverà su altra pietra, l’oceano traboccherà di blu, e il mondo non cambierà che per un istante.

gold circles

Dipingono pacchi di patatine, scrivono canzoni senza rime con marchi di medicine, sono artisti senza discipline, sono arroccati sullo studio del già fatto, primeggiano sull’olfatto, è un tema già contemplato da un sistema rimarcato. Involontaria è la mia azione, un pensiero guida segue l’evoluzione, comunicare è la mia missione.

Stelle, piccole onde, nuova alba, strada sulle rive della luna.

Alberi di piazza verga avvolti da un filo d'oro

Gli alberi di piazza verga a catania avvolti da un filo d'oro per lanciare un messaggio di civiltà. É l ultima istallazione di arte involontaria dell'artista di fama internazionale Claudio Arezzo di Trifiletti

Gepostet von REI TV am Freitag, 26. Juli 2019

Potremmo parlare all’infinito, forse però il tempo è arrivato. 

They paint bundles of chips, write songs without rhymes with medicine brands, they are artists without discipline, they are perched on the study of what has already been done, they excel on smell, it is a theme already contemplated by a remarked system. My action is involuntary, a guiding thought follows evolution. Communicating is my mission.

Stars, small waves, new dawn, road on the banks of the moon.

Sicily island of the world

Da tempo ormai non compro più acqua, non sopporto la plastica, spremo due limoni per ogni litro e bevo vita. Quando è nata #sicilyneedslove era un periodo assai brutto, la Francia strumentalizzata dichiarava guerra ai nostri vicini, molto vicini per essere oggi condonati. Tripoli, la televisione pompava che bisognava liberare dalla dittatura, misero in moto un movimento femminista appoggiato per lo più dalla sinistra. Erano tempi assai amari, ogni attimo era prezioso, in Giappone era esplosa una centrale nucleare, e la povera Sicilia era li ad osservare. I caccia partivano a tutte le ore, inshallah il mio cuore pronunciava, shalom rispondeva. Andai fino in Medio Oriente per comprendere, i bambini per la strada mi fermavano, erano luoghi blindati e pericolosi, e scalzi mi prendevano per mano chiamandomi italiano. Ho sempre insistito sull’importanza di quest isola che noi tutti amiamo, e ancora oggi non basta, perché l’amore privo di consapevolezza è solo frutta al sole.

involuntary art research

Arte Preistorica, magica, percorso, discesa alle radici, lettura e ascolto, comunicare, illuminare, farsi portatore di un peso. Trasformare, entrare in connessione, legare legni per navigare, ospitare, riscattare la forma. Un’immagine può contenere più di interi scritti, anche solo una parola può fare vedere più di molte immagini.

I haven’t bought any water for a long time, I can’t stand plastic. I squeeze two lemons for every liter and drink life. When  Sicily needs love was born it was a very bad period, an instrumentalized France declared war on our neighbors, very close to be forgiven today. Tripoli, the television pumped, had to be freed from dictatorship, set in motion a feminist movement supported mostly by the left wing. They were very bitter times, every moment was precious, in Japan a nuclear power station had exploded, and poor Sicily was there to observe. The fighter jets left at all hours, inshallah my heart spoke, shalom answered. I went to the Middle East to understand, the children stopped me in the street. They were armored and dangerous places, and they took me barefoot by the hand and called me Italian. I have always insisted on the importance of this island that we all love, and it is still not enough, because love without awareness is only fruit in the sun.

The third flower

Sicily Fest May 17/18/19 – Boiler House, Brick Lane – Imprints of Peace London

Anime Narranti, l’angolazione di chi arrotonda gli spigoli. Ogni luna meriterebbe un canto. La notte mi piace la luce del fuoco, respirare lentamente. Un tempo l’uomo utilizzava l’esistenza per lasciare una traccia. Piccoli miracoli, donano crescita. Astratte parole di chi cammina a piedi, cambia il gommato alle proprie ruote, per valicare strade fuori confine, far prendere contenuto al proprio silenzio. Spiegare ai ragazzetti che ancora giocano a lanciarsi pietre, che esiste un mondo da salvaguardare. Per uscire dalla crisi bisogna vivere di generosità.

The gem room

In questo mare ho lasciato la mia saliva, in questo cielo il mio respiro, in questa terra ho lasciato i miei semi, con quest’acqua ho cercato crescerli, e di questo spirito continuo a vivere.

Il vento è l’espressione dell’invisibile.

Poesie und Anatomie

Catania, Domplatz

Fontana dell’Elefante

Fontana dell’Elefante

Liebliche Barockfassaden, fotografierende Touristen im Frühlingslicht. Der Dom von Catania. Alles ist süß und hell in ein Gewand aus pudrigen Farben gekleidet. Man feiert die verdiente Freizeit bei Straßenmusik und Gelati zu Füßen des Wahrzeichens von Catania: dem fröhlich sprudelnden „Fontana dell’Elefante“.

Duomo

Duomo

Nachdem der Ätnaausbruch von 1669 und das Erdbeben 1693 die Stadt zerstört hatten, wurde Catania nach den Plänen von Giovanni Battista Vaccarini, eines der wichtigen Vertreter des sizilianischen Barocks, neu erschaffen. Dieser italienische Architekt und Baumeister prägte das Gesicht der heutigen Altstadt Catanias – ihm sind die barocke Fassade der Kathedrale, der Palazzo San Giuliano und der Elefantenbrunnen zu verdanken, den er aus Fundstücken neu gestaltete.

Memory

Memory

Auf dem Marmorsockel thront die Lavastatue in Form eines Elefanten aus der Römerzeit. Der ägyptische Granitobelisk auf seinen Schultern zeigt Hieroglyphen und Symbole des ägyptischen Isiskults.

Vincenzo Bellini

Vincenzo Bellini

Die Kathedrale Sant’Agata beherbergt stolz das Grabmal des Komponisten.

Catania Duomo Absis

Catania Duomo Absis

Die ursprüngliche Kirche wurde ca. 1070–1093 in normannischer Bauweise über den römischen „Thermen des Achill“ errichtet. Erdbeben und Eruptionen des Ätna zerstörten die Kirche mehrfach. Der Architekt Girolamo Palazzotto baute 1709 die heutige Kathedrale unter Einbeziehung des normannischen Ostteils wieder auf.

Catania Duomo

Catania Duomo

Fontana dell‘Amenano_

Fontana dell‘Amenano_

Den Übergang zu einer ganz anderen Welt bildet der überraschend versteckt liegende Brunnen „Fontana dell‘Amenano“ aus Carraramarmor.

fishmarkt sky

fishmarkt sky

Hier geht es zuerst einmal ein paar Stufen abwärts. Der Platz mit den eng angeschmiegten Gebäuden liegt tiefer als der Domplatz und ist dadurch vom Sonnenlicht geschützt.

Pescheria

Pescheria

Ich wate durch eine glänzende Schicht aus Wasser und Fischabfällen. Die Möwen tanzen in der Luft, die Katzen freuen sich über Reste.

Tempo Immutato

Tempo Immutato

Die brüllenden, eher grimmig drein schauenden, hackenden Fischhändler erscheinen geradezu bunt vor den dunkel wirkenden Gebäuden und dem schwarzen Lavasteinboden.

swordfish

swordfish

Es duftet, nein es stinkt – abgehackte Köpfe, tote Augen, zerteilte Körper, Blut, Innereien.

Mediterrane Farben

Mediterrane Farben

Kühle und schattige Gewölbe mit einem üppigen Angebot diversester Meeresfrüchte.
Catania Fishmarket

Catania Fishmarket

Das etwas brutale und derbe Szenario des Fischmarktes ist dennoch sanfte Poesie.
kiosk

kiosk

Das alles zu beobachten und zu bestaunen schenkt mir das Gefühl von totaler Entspannung. Und ein tiefes Verständnis für das pure Leben. Alles passiert gleichzeitig.

M I C H A E L A   H E N K Y S

creative direction | balthasarstraße 79 | 50670 köln – mobil +49 176 63 10 73 35 | www.meurer-art.de

in my island silence is a frame

Fin quando all’uomo cucciolo non si insegna che l’Anima della Vita alloggia in tutto, saremo difronte all’ingenuo disprezzo. Una Stella Marina, non ho mai visto niente di più innocuo, eppure quanta indifferenza a volte loro piccole creature del mare, fragili e amorevoli, soffrono, patiscono. Un pomeriggio, un tramonto dove una volta popolato da serpenti guardiani “Acicastello” , tra il suono e l’odore del mare, luce e aria di cielo, ne incontrai una schiattata al suolo. Avrei voluto fargli la respirazione bocca a bocca, un palpito al cuore, ma niente ero talmente sprovvisto di insegnamenti riguardo quell’esserino che sanguinava a dirotto bianco, che l’unica cosa che ho sentito fare era rimetterla in acqua. Senza vita il corpo, scendeva fino al suo mondo, ma niente, il momento era passato.

nella mia isola il silenzio è cornice

nella mia isola il silenzio è cornice

Auf meiner Insel ist Stille ein Rahmen

Auf meiner Insel ist Stille ein Rahmen

Mediterranean – Autorimessa R1 Catania Via Plebiscito 747

Oggi ho fatto una passeggiata al lungomare di Catania, il mare si infrangeva sugli scogli, l’acqua spruzzava alta in cielo, il vento l’abbracciava. Ho raccolto un dono del mare, un pezzo di un’imbarcazione di legno, che desiderava altra vita. Scrivere di una ricerca, sarebbe approssimativo e svilente, troppi piccoli particolari passerebbero inosservati. Forse la partenza sono le radici di un Ficus, o la statua di Gesù, o forse un sassolino che mi ha indicato la strada, una cosa è certa, ogni passaggio non è premeditato, anzi oserei affidato. Affidato a quella voce che racconta la verità, che alchimizza l’amara storia, rendendola poesia dolce, di certo una cosa è certa, la salvezza viene affidata alla madre. Il flusso che guidava le dita che solcavano attraverso quell’anonimo pezzettino di roccia, anziano non si sa quanto, armonizzavano le onde in amore, in perdono, in riscatto di un mondo preso in ostaggio da segnali prevaricanti, ambiziosi d’attenzione, ma privi di contenuto. Mediterraneo è una storia che parla di ombelico, incontri che diventano ancor prima famiglia, perché lo spirito si pronuncia, non ama maschere e imposizioni, si eleva attraverso un corpo fragile e nudo.

á eyjunni minni er þögn ramma

á eyjunni minni er þögn ramma

Cortile del Sole – Salumeria Fratelli Zappalà Catania Via Grotte Bianche 16