La Passione

 La Passione, Il Coraggio è Amore, il mondo ha bisogno di amore, pace è vita, nuova alba, alba dei giusti, coscienza viva in tutto.

La Passione

La Passione

Sono cresciuto prima dai Francescani, in seguito dai Salesiani, scendevo le scale, salivo le scale, sempre mi inginocchiavo di fronte S. Domenico Savio, non dimentico nessun pianto, non dimentico nessuna gioia, il canto Don Bosco ritorna tra giovani e amor è sempre con me, insieme a Gesù, Gesù aiutami tu. La Luce è vittoria, in India, ospite da un albero dal buon frutto mi dissero, tu dovevi essere un’anima vicina a Gesù, io sono e vivo presso l’Immacolata Concezione, ogni notte mi rivolgo, e chiedo di pregare per noi, piccoli figli suoi. In India ho pregato con fratelli Musulmani, eravamo tutti insieme sotto la luna, ognuno con la propria fede, ognuno col proprio cerchio, ognuno col proprio petalo, petalo dello stesso fiore. Non faccio distinzioni di religioni, non mi sento religioso, ma sento lo spirito del Padre in tutto, non conosco le ricorrenze, ma mi immergo sempre nei ricordi del Giordano, e mi trascino il fango ai piedi sopra tappeti di lussuosi alberghi. Un paio di mesi addietro sono tornato sia in Giordania, che in Israele, ma ho avuto paura, e non mi sono affidato al mondo. Quando scrivo, cerco traccia, per descrivere il momento. Oggi, ero al computer e mentre controllavo la email, all’improvviso le mie mani tremavano, il cuore gelava, sudavo freddo, quasi mi sentivo soffocare, come se stesse accadendo qualcosa di terribile alla mia famiglia. Ho telefonato prima a mia madre, poi a mio padre, in seguito a mio cugino, e tutto grazie a Dio era in ordine. Allora ho pensato, sarò stanco, e ho provato a riposare, ma non riuscivo a stare sereno, una grande ansia avvolgeva il mio spirito. Fino a prima, cercavo di capire, mi chiedevo se forse, visto che ieri sono uscito con un amico che non vedevo da tempo, ho pensato, sarà un calo dovuto alle birre bevute, e avevo accettato il mio malessere. Fino a quando mi ha telefonato mia cugina, dicendomi che si sentiva anche lei un po’ giù e mi proponeva di andare a visitare i Sepolcri, io ho dato piena adesione, come quando ti senti raffreddato la migliore cura è la cautela, quando mi sento giù, vuol dire che il mio spirito è ammalato, e la cura è la meditazione, e vicino casa c’è un ottimo posto dove meditare, il Monserrato. Poi in seguito, ho appreso che oggi veniva crocifisso Gesù, e tutto mi è stato più chiaro. Non sono religioso, ma amo lo Spirito a modo mio. 

Claudio Arezzo di Trifiletti 

Info su arte involontaria

Sposo il Dio dello Spazio, dove le stelle sono fluorescenti e non accese di un fuoco finito, dove la luce non brucia ma illumina ogni coscienza. Sposo il Dio dello Spazio, dove un tempo non era un tempo quando viveva l'emozione, dove risiedeva la giustificazione nell'Onniscienza, tutto ha un senso, e tutto è nella posizione con lo stesso numero, senza invocazione per una forza maggiore, senza discernimento tra albero e frutto, senza paura che non di se stessi, senza timore, che di essere offesi, senza parole per il peso delle stesse. Claudio Arezzo di Trifiletti
Questa voce è stata pubblicata in amico di sempre, amore, foto claudio arezzo di trifiletti, Il Coraggio, imprints, La Passione, needs love, nuova alba, PACE A TUTTI, PADRE NOSTRO CHE SEI NEI CIELI, sculptures, Vita Contemporanea e contrassegnata con , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

I commenti sono chiusi.