Archivio tag: casa

confidences

Maria se fossi stato nelle possibilità sarei subito andato, ora spero solo nella preghiera come ti confidavo. Tra meno di un mese dovrei esporre questi 100 forse più lavori davvero nati dalla percezione, spero un giorno andare al salone della connessione negli Emirati, mi piacerebbe tanto. Piano piano cercherò di spiegarmi alla mia gente, qui in città dove resti a volte lo stesso di sempre, ma piano piano sono davvero felice del nostro viaggio, di aver conosciuto i tuoi angeli. Grazie, spero tutti insieme ci guardino nel nostro divenire. Grazie a te di questo contatto. Impressionante quante connessioni alla prima lettura. Da piccolo ho smesso di studiare sui libri, o meglio una Santa signora si prese cura del mio studio, poi una ragazza che ora è giornalista alla Rai. Sento di dover essere grato davvero al Regno Unito, all’Islanda e piccola Italia siamo qui.

casa museo sotto l'etna, tutto parla attraverso il nostro sentire.

casa museo sotto l’etna, tutto parla attraverso il nostro sentire.

studio

Ma perché non venite invece a trovarmi a casa, per comprendere cosa potrà essere questa mostra che non sarà se voi non ci credete. Salvo è la missione di un Catanese nel mondo, se non si comprende questo, senza voler togliere niente a nessuno. Non sono un tecnico dell’arte, la vivo semplicemente, e per scelta non folle ho intrapreso questa strada, non è un voler apparire, anzi quello che lascio intendere è solo un pizzico che risiede, solo chi mi conosce sa del mio percorso. Per me è un grande privilegio fare da ponte per Catania, questa mostra non è una promozione artistica, una ricerca di popolarità, “avi ca fazzu buddello da quando sono nato”, E’ la trasmissione di codici, un messaggio che parte da Catania, vi prego di comprendere.

Private Collection Imprints of Peace

Exhibition Contemporary Art Catania 1 Dicembre 6 Gennaio 2019 Palazzo della Cultura

Shared Experience

esperienza casa museo sotto l'etna

esperienza casa museo sotto l’etna

Ogni pianta ha la sua natura. La vita ci sorprende per la voglia che ha di trasformarsi. L’equilibrio di una memoria che protegge.

casa

 

etna

etna

Ero in bici, per due volte un branco di cani mi ha ronzato intorno, ma io appena sceso dalla bici li osservavo mantenendo la calma, devo dire il più piccolo del branco era pronto a colpire, ma per fortuna il capo per due volte non ha dato il via, mi sono sentito come un gatto, peccato che sarei stato più in pericolo, come difesa avevo solo la bici, e come mazza non funziona bene. Arrivato nel garage ho rivisto la bici, con altro occhio, mentre ci camminavo, specialmente di notte, il silenzio, Catania, la sua luce, come se mi avvolgesse. Niente ora vado a letto, ho fatto le scale a piedi, ogni gradino pensavo a quanta responsabilità abbiamo in terra, e a quanti scrupoli ogni giorno ci indicano la strada.